Franco Valente

A novanta giorni dall’insediamento finalmente il Sindaco ha dato una svolta alle opere pubbliche, al decoro urbano e all’igiene di Venafro.

A novanta giorni dall’insediamento finalmente il Sindaco ha dato una svolta alle opere pubbliche, al decoro urbano e all’igiene di Venafro.

 

INFATTI ORA SIAMO AL DISASTRO!

 

Franco Valente

Hanno chiesto al sindaco Nicandro Cotugno:
Quale giudizio si sente di dare alla sua squadra di governo?
Stiamo lavorando senza sosta. Per il grande consenso ricevuto, è un nostro preciso dovere lavorare incessantemente per il bene della città. Debbo dire che tutti gli assessori stanno facendo squadra. Si lavora costantemente senza tralasciare nulla. Il tutto in una cornice di entusiasmo che contagia anche i consiglieri che da me hanno ricevuto importanti deleghe.
Per la cultura cosa state facendo?
Abbiamo fatto un decisivo salto di qualità rispetto al passato. Prova ne è la collaborazione fattiva tra Comune di Venafro e Pro Loco. Le manifestazioni che abbiamo organizzato in questi ultimi tempi sono di grande spessore culturale e sociale. Si è creato un sistema virtuoso che vede protagonisti tutti, Comune, Pro Loco e Associazioni del posto. L’Amministrazione che mi onoro di presiedere, è orgogliosa di quanto costruito in questi tre mesi sul piano culturale.
Cosa replica a una parte dell’opposizione?
Io penso a lavorare. Posso solo dire che sono sereno.
 La lista “Venafro Sarà” ha fondato la sua azione su alcuni punti programmatici. La istituzione del parco degli Ulivi e la difesa dell’Ospedale Ss Rosario erano i punti più qualificanti. Abbiamo lavorato insieme con i consiglieri regionali Nicandro Ottaviano e Massimiliano Scarabeo e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

GUARDATE COSA C’E’ SOTTO I NOSTRI OCCHI !!!

Non esiste un angolo della città che abbia un minimo di decoro urbano.
La sciatteria è la nota dominante che caratterizza questa squadra di consiglieri comunali che stanno massacrando Venafro.

 

disastro-5.jpg
Basta vedere in che condizioni è il cosiddetto semaforo, simbolo della città, all’incrocio delle direttrici Roma, Napoli, Campobasso

 

 

disastro-9.jpg
Neanche la croce dei Passionisti viene risparmiata dalla furia dei nostri amministratori.
Il contesto ancora peggio.
disastro-6.jpg
Erbacce e rovi fino all’oliveto della Cattedrale.

 

disastro-8.jpg
Cartelloni pubblicitari piazzati nel modo più squallido che si possa immaginare. Su due blocchi di cemento offrono merce a metà prezzo senza la più pallida idea di cosa voglia significare la decenza.

 

 

disastro-7.jpg
Una vera e propria polveriera pronta ad incendiarsi nel totale disinteresse del Comando della Polizia Urbana che ha l’ordine (mai eseguito) di elevare contravvenzioni a chi non provvede a pulire i fondi.

 

disastro-1.jpg

 

 

disastro-4.jpg
Strade dissestate, sporcizia dappertutto, bidoni della monnezza tra segnali stradali abbandonati sullo sfondo di muri orribilmente deturpati, montagne di rifiuti edili coperti di defecazioni di cani e materiale inquinante di ogni genere.

 

disastro-3.jpg

 

disastro-2.jpg
Alberi secchi che minacciano di crollare sulla testa dei passanti.

 

disastro-11.jpg
Il Cimitero è circondato da rovi che sono come fusti di benzina pronti a prendere fuoco.

 

 

disastro-12.jpg
Le scuole elementari, che dovevano essere riaperte dal settembre 2006 sono diventate luoghi di bivacchi clandestini mentre la vegetazione ormai ha assalito ogni angolo degli spazi esterni.

MA PERCHE’ LA MOGLIE DEL SINDACO, IL MARITO DEL VICE-SINDACO E L’AMANTE DELL’ASSESSORE NON CONSIGLIANO AI RISPETTIVI COMPAGNI DI STARSENE A CASA E LIBERARE LA CITTA’ DA QUESTA DRAMMATICA SITUAZIONE

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

5 Commenti

  1. nicandro 5 agosto 2008 at 19:49

    Nell’ ormai cronico bailamme in cui vive Venafro è inevitabile chiedersi alcune cose. E’ ormai acclarato che mentre la città diomedea vive in un torpore perenne, città non molto distanti da essa ( Isernia e Cassino ad esempio ) ottengono miglioramenti estetici grazie anche all’opera degli ammministratori. Non essendo un politico mi sovviene rapidamente una domanda. Ma i nostri politici sono tanto incapaci? E se è sì saremo condannati all’indigenza e al torpore eterno? Non vedendo nulla di buopno all’orizzonte temo proprio di sì…

  2. vincenzo 14 agosto 2008 at 15:17

    Bravo Franco, complimenti.

    non ci sono parole.

    spero che questo faccia aprire gli occhi a chi ha dato preferenze senza coscienza, senza riflettere e soprattutto all’amico,alcugino al compare o perche’ no all’amante!!!!!
    grazie.
    Vincenzo

  3. Michele 19 agosto 2008 at 16:00

    boungiorno,Lavoro e vivo all’estero da ormai circa 10 anni e puntualmente tutti gli anni nel periodo estivo, ritorno nei paraggi di Venafro per trascorrere le vacanze estive.
    Con stupore constato il degrado della città di Venafro, paragonabile per infrastrutture e vie di comunicazione ai (paesi dell’est).
    Tengo a complimentarvi con voi sig. Valente per il suo sito con la speranza che le foto inserite nel sito e i commenti sottoscritti facciano aprire gli “occhi” a certe persone.
    Tengo personalmente a denunciare l’indecenza da parte di “qualcuno” nel far pagare il parcheggio nelle zone antistanti il vecchio ospedale “S. Rosario” (un buon modo di SPECULARE sui problemi degli altri.

    Cordialmente
    Michele

  4. franco valente 19 agosto 2008 at 17:27

    Gentilissimo Michele,
    La ringrazio per le parole di apprezzamento.
    Spesso mi viene la voglia di pensare (come si suole dire) un po’ più ai fatti miei.
    E’ quello che vorrebbero i nostri amministratori.
    I peggiori degli ultimi 2500 anni di storia venafrana…
    Spero sempre che accada qualcosa, ma mi sembra che gli anni passino e la situazione si sempre peggiore. Specialmemnte sul piano culturale.
    Comunque i sostegni morali come il Suo inducono a non abbassare la guardia.
    Franco Valente

Lascia un commento

*