Franco Valente

The bridge of Pozzilli: the question!

The bridge of Pozzilli: the question!

Poiché nel Molise il dibattito architettonico scarseggia, che ve ne pare del nuovo ponte sulla Rava a Pozzilli?

Poiché la legge sui lavori pubblici impone che si faccia sapere il costo, si segnala che l’opera è costata un miliardo e mezzo delle vecchie lire.

Il progetto è stato approvato dalla Soprintendenza ai Beni Culturali che lo ha ritenuto perfettamente compatibile con le norme di tutela ambientale.

Poiché le decorazioni sono intervenute quando ormai il ponte era stato già fatto, saranno graditi anche gli interventi dei progettisti.

A voi la parola!

(Se si vuole inserire un proprio commento si può fare direttamente utilizzando la casella alla fine delle foto. Ricordarsi solamente di fare, come richiesto, la piccola somma anti-spam mettendo il numero)





Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

15 Commenti

  1. elena 26 febbraio 2009 at 12:03

    …io lo trovo osceno,poi quelle decorazioni molto “stile ikea” se le potevano risparmiare! Sarà anche perfettamente compatibile con le norme di tutela ambientale però in quanto a estetica lascia veramente a desiderare! E’stato tutto solo uno spreco di soldi.

  2. camillo 27 febbraio 2009 at 09:58

    Non si può sempre criticare! E’ bello, bellissimo e, secondo me, perfettamente compatibile con le norme di tutela ambientale. Infatti le decorazioni ricordano le onde del Rava sulle quali gli abitanti di Pozzilli e le migliaia di turisti cavalcano i loro surf! Solo mi chiedo: quanto tempo ci vorrà per concludere il resto di Disneyland Pozzilli????

  3. alessandro 27 febbraio 2009 at 16:46

    il ponte probabilmente sarà aperto sabato 7 marzo

    non è poi cosi brutto

  4. Serena 27 febbraio 2009 at 23:09

    CARISSIMO ARCHITETTO,
    AL DI Là DELLA BELLEZZA O MENO DEL PONTE, SALTA SUBITO ALL’OCCHIO IL CONTRASTO CHE VI è TRA IL PONTE STESSO (MI CONCEDA UN Pò FUTURISTA) E IL CONTESTO PAESAGGISTICO- ARCHITETTONICO IN CUI SI COLLOCA…BEH QUESTIONE DI GUSTI, SPERIAMO SOLO NON CROLLI!!!TANTI SALUTI , SERENA

  5. Francescopaolo 28 febbraio 2009 at 12:47

    La decorazione, vista come pura aggiunta estetica, dovrebbe essere SEMPRE evitata, quando evidentemente non necessaria.
    Sicuro che sia stata “voluta”, oppure che non sia il risultato notturno di writers poco creativi?E quelle che sono, lampadine?
    Nel disegno non sembra esserci nessun elemento di simmetria o che caratterizzi Pozzilli e i suoi luoghi in maniera esclusiva.
    Nessuna giustificazione se la ragione sta nella frase:”Vabbè, applichiamoci su delle onde, così il ponte sarà più bello”.

  6. Lisa 2 marzo 2009 at 13:31

    santa cacca ….ma cosa avrà di bello sto ponte io non lo so …e poi scusate, avete visto quanto è venuto a costare? bohhhhhhhhhhhhhhhhh…..per quel prezzo credo ,si poteva fare di meglio , di molto meglio anche perchè non ci vuole tanto ……mahhhhhhhhhh

  7. Lisa 2 marzo 2009 at 13:33

    le onde….si belle le onde peccato che la rava di acqua ne ha ben poca anzi io ci vedo quasi sempre solo immondizia ma forse ho qualche problema agli occhi ..ditemi voi ….

  8. passarelli dr.ermenegildo 4 marzo 2009 at 10:45

    …..eppure–come ho già scritto–questo ponte passerà alla storia…
    Passarelli dr.Ermenegildo

  9. Lisa 4 marzo 2009 at 10:52

    passerà alla storia di Pozzilli come scempio costato la bellezza di 700 000€…………..( fosse carino …pure pure…..)

    bocca mia taci ………….

  10. Sergio 4 marzo 2009 at 17:08

    Non mi sembra così brutto…ho visto di peggio!

  11. massimo 11 marzo 2009 at 19:04

    …secondo me hanno sbagliato i tempi di consegna..doveva essere un bellissimo scherzo di Carnevale..ma si sa in Italia le scadenze non si rispettano mai:ci sono sempre le proroghe!!!

  12. passarelli dr.ermenegildo 11 marzo 2009 at 20:46

    …..è vero che?
    VERRO’A VEDERE DI PERSONA fra una settimana se Dio vuole.
    Cordialità

  13. Marco Di Domenico 20 luglio 2009 at 10:23

    Ormai il ponte è lì, occorre tenerlo così, e forse sarà meglio farlo sembrare il meno brutto possibile, …a chi brutto lo ritiene.

    http://www.flickr.com/photos/marcoddm/3666879855/sizes/l/in/pool-1168143@N22/

  14. Ernesto Vettese 5 giugno 2010 at 18:06

    La Soprintendenza ai Beni Culturali “addò vér e addò z ceca”, come recita un detto popolare, che tradotto in maniera un pò “forzata” vuol dire che “vede dove vuole vedere e non vede dove non vuole vedere”.

  15. casino bonus 15 novembre 2011 at 23:16

    Ce journal me rend euphorique la structure et plus envisagent! J’ai confiance que j’ai modifié vérifier un des morceaux à droite à ce comparatif. Vous remercie de toute trace unique de votre soutien!

Lascia un commento

*