Franco Valente

Molise alternativo: schifezze che vanno, schifezze che arrivano!

Molise alternativo: schifezze che vanno, schifezze che arrivano!

Roberto mi ha inviato un’immagine di un anno fa.

Gentile Architetto,
Ho appena osservato le foto sconcertanti del Suo articolo “Venafro citta dell’arte e della cultura” e mi permetto di inviarle in allegato una foto da me scattata sulla ss. trignina lo scorso anno, da aggiungere alla Sua nutrita galleria di immagini “da denuncia” …. Il luogo è diverso ( l’ho scattata poco oltre Bagnoli del T.) ma la scena è altrettanto grottesca…E’ da un pò di tempo che non ripasso da lì. Amici del luogo mi hanno detto che lo scempio è proseguito per quasi un anno, sotto gli occhi dei residenti e dei (pochi) turisti che da Isernia e dall’Alto Molise, raggiungono l’Adriatico. Pare che di recente “chi di dovere” (finalmente) vi abbia posto rimedio.
Cordiali Saluti
Roberto Tomassoni

Sulla Trignina finì fuori strada un autotreno carico di barattoli.  Per vari mesi nessuno si è preoccupato di togliere quelle porcherie finché la ruggine non dette una patina di antichità a quella monnezza che finalmente è stata poi eliminata e buttata non si sa dove.

Salcitobivio

Una schifezza scompare dal Molise e altre immediatamente la sostituiscono.

Rava

Basta fare una passeggiata lungo il Rava, il torrente che è diventato il luogo di formazione fisica dei Venafrani che fanno atletica correndo lungo la sua sponda.

Corrono, corrono, corrono come pecore rassegnate senza dire una parola delle porcherie che vi vengono riversate.

Rava_2009

Avevo ricevuto:
franco o franco;
la cultura a venafro ???????
Hai ragione ma sei passato al torrente rava:
Tutta l’acqua verde schiumosa e puzzolente ci avrei  visto molto volentieri dei personaggi politici di questa amministrazione compresi anche i pubblici  impiegati con  incarichi ben precisi a questi
lavori:
Venafro è na mennezza.

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

1 Commento

  1. luigi 27 luglio 2009 at 13:36

    possibile che ci voglia tanto tempo per raccogliere della roba da mandare in discarica?
    trovo la cosa sempre assurda. Ma guarda che non capita solo in Molise. Da noi a Torino, un immigrato, ha pensato bene di cambiare l’olio per strada, e secondo te il filtro e l’olio esausto dove sono finiti?
    Per terra, e pensare che ho avvistao per diverse volte vigili urbani ed addetti amiat, ma niente da fare.
    saluti

Lascia un commento

*