Franco Valente

Cancellata la “rivoluzione” di Brunetta

Cancellata la “rivoluzione” di Brunetta

brunetta2
… sarei onorato nel sapere chi ha fatto questa foto!

Doveva essere la ‘rivoluzione’ del Pubblico Impiego.

Ma, come sempre, alla rivoluzione è seguita la restaurazione. E così è stata silenziosamente abrogata con un decreto legge pubblicato l’1 luglio (poi diventato la legge n.102/2009) la normativa ‘antifannulloni’ varata l’anno scorso dal ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, che prevedeva disposizioni penalizzanti per gli impiegati pubblici, tra le quali indennità di malattia ridotta, e fascia di reperibilità per i dipendenti in malattia estesa praticamente a tutta la giornata (con un’unica ‘ora d’aria’ dalle 13 alle 14).

Le fasce orarie di reperibilità sono tornate due di due ore ciascuna, la certificazione medica è stata nuovamente affidata al medico convenzionato, e sono state abrogate alcune delle norme che prevedevano penalizzazioni economiche.

Ai dipendenti pubblici e ai loro sindacati non è rimasto che chiedersi, come fa per esempio la Flp, “perché quando sono state introdotte certe norme, come la reperibilità di 11 ore al giorno in caso di malattia, lo si è fatto con le “fanfare”, tuonando contro i dipendenti pubblici assenteisti e fannulloni e ora che fa marcia indietro il ministro Brunetta non rilascia nemmeno una misera dichiarazioncina alla stampa?”Forse per un’unica ragione: il provvedimento era ampiamente incostituzionale.

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

1 Commento

  1. luigi 28 settembre 2009 at 10:10

    Effettivamente, la colpa è stata di certa stampa, che pubblicava tutti i comunicati del signor Brunetta, senza rendersi conto che la fonte era Lui medesimo, quindi Lui certificava la bontà di provvedimenti anticostituzionali, che oltre tutto, non risolvevano alcun problema. Anzi penalizzavano anche coloro che con grande impegno mandano avanti la baracca dell stato. Dato che non bisogna dimenticare che la stragrande maggioranza dei travet va a lavorare tutti i giorni, in uffici spesso mandcanti del materiale e in condizioni spesso di sotto organico oramai endemico. Quindi quando arrivano i salvatori della patria, bisogna analizzare per bene quello che fanno.
    saluti

Lascia un commento

*