Franco Valente

Ma che fine ha fatto S. Vincenzo al Volturno?

Da quando è Direttore Regionale del Molise il dott. Famiglietti non è più possibile visitare S. Vincenzo al Volturno.

Come si suol dire: Non gliene frega niente a nessuno!

Ricordate questa estate quando questo boiardo del Ministro Bondi mi vietò l’uso dell’area archeologica di S. Vincenzo per tenere il consueto incontro annuale sull’arte e la storia della antica abbazia?

Diceva che una conferenza nell’area archeologica poteva determinare danni ai reperti.

Tra l’altro solo per concedermi udienza pretendeva che io pagassi gli arretrati per gli straordinari che il Ministero non aveva mai pagato ai custodi di S. Vincenzo!

Da allora ad oggi lo scempio è continuato con l’assistenza di sindacalisti ignoranti e restauratori sciagurati che gridavano alla imminente rivoluzione culturale mentre davanti agli occhi di tutti si distruggeva con il cemento il Ponte della Zingara.

Vi ricordate il famoso Direttore-Coordinatore dell’Area della Comunicazione – Settore Arti della Direzione regionale del Ministero per i Beni Culturali, Esperto della informazione e della Comunicazione che, credendo di essere l’arcancielo Gabbriele, annunciava l’arrivo del Messia?

Per il momento è arrivato solo questo sciagurato restauro!

Viene da piangere al solo pensiero che la storia, l’arte, l’archeologia, l’architettura del Molise stia in mano a questi soggetti!

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

Lascia un commento

*