Franco Valente

Benvenuti a S. Vincenzo al Volturno!

Benvenuti a S. Vincenzo al Volturno!

Due cilindri organici, che un cane opportunamente ha lasciato da qualche giorno, vi salutano sul ponte della Zingara, all’ingresso del più importante sito archeologico altomedievale d’Europa!


Il benvenuto sul ponte della Zingara del IX secolo!

Forse questo cane, con il suo gesto significativo, ha dato la definizione più esatta delle condizioni in cui versa questo luogo che dovrebbe essere il vanto del Molise.


Il ponte della Zingara del IX secolo!


Il ponte della Zingara del IX secolo!

A Castel S. Vincenzo ho avuto 4 preferenze, a Rocchetta a Volturno 8 preferenze. Mi hanno votato in tutto 12 eroi!


Il ponte della Zingara del IX secolo!

Carissimi,

non sono abituato a piangermi addosso, ma quando ho visto il numero delle preferenze date a personaggi che, in ambedue gli schieramenti, rappresentano il vuoto culturale nel Molise, mi sono chiesto: Ma vale la pena continuare a sognare un Molise bello?

Questa mattina sono andato a malincuore a S. Vincenzo al Volturno per un impegno preso molto tempo fa con persone che amano veramente il Molise. Avevo giurato che non ci sarei mai più andato.


Una discarica di plastica e residui cementizi in mezzo alle colonne!

 

Mi è dispiaciuto non aver mantenuto il giuramento.

Uno dei luoghi più importanti di Europa nel disastro più totale.


Così si presenta il percorso archeologico del monastero più importante d’Europa!

Una sciatteria da periferia di Napoli.

Un abbandono da terzo mondo.


Questi tavoloni, sistemati forse per una seduta spiritica, stanno in quel luogo da tre anni!

Un insulto alla storia che viene perpetrato dal Ministero per i Beni culturali e da questa Regione Molise sempre più squallida amministrativamente parlando.

La cripta chiusa definitivamente.

Gli affreschi della basilica di Josue verso la distruzione definitiva….


Guardate in che modo è ridotta la Cripta della Basilica di S. Vincenzo Maggiore! Un disastro di proporzioni inimmaginabili per la storia dell’arte medioevale e per la cultura europea!

 Mi viene voglia di chiudere questo blog, ma poi penso alle centinaia di persone che ogni giorno vi accedono per vedere se ho scritto qualcosa di nuovo e vado avanti.

Mi dispiace aver perso un paio di mesi per una campagna elettorale dagli esiti disastrosi.

Per mettere nuovi articoli devo recuperare il tempo perduto e mi viene anche il complesso di colpa nel non mettere immediatamente nuove cose.

Sicuramente mi passerà, ma il Molise è diventata terra di incolti per colpa di una classe politica che vuole solo somari e ignoranti.

Non tutti (fortunatamente), ma molti…

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

5 Commenti

  1. laura 24 ottobre 2011 at 22:27

    Mi permetto di dire che questo articolo e tutta la storia – si dovrebbe mandare al UE – http://europa.eu/pol/cult/index_it.htm e anche http://europa.eu/pol/fraud/index_it.htm

    Veramente… qualcuno deve fare qualcosa…..

    Il Molise e gia sotto indagine dal UE… http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/11/1119&type=HTML

    Grazie!!! Se io avessi piu dati, potrei scriverci io. Non vale scrivere al nostro rapresentante a Brussels…. Lui fa parte del marcio… Se non lo fosse, i soldi non andrebbero a fondo perduto.

    A presto!!

  2. Francesco 25 ottobre 2011 at 00:38

    Caro Franco, non devi arrenderti e non devi avere alcun rimorso sugli esiti delle Regionali. Tu non sei stato eletto semplicemente perché non sei un professionista della politica. Non vendi fumo. Non fai promesse irrealizzabili. Non speculi sui bisogni (in molti casi anche primari) della gente in un contesto nazionale di povertà crescente. In Molise ci sono oltre seicento persone che credono in te e condividono le tue battaglie. Non sono moltissime, certo. Ma neppure poche. Poi, ce ne sono tante altre fuori regione che non hanno potuto dare il loro contributo elettorale la settimana scorsa soltanto per un difetto di residenza ma che ti sono vicine e si collegano tutti i giorni con questo blog in attesa di un tuo aggiornamento. Ed è per tutte costoro- e con loro- che ora devi continuare ad andare avanti con maggiore energia e convinzione nella tua battaglia per la valorizzazione e promozione del patrimonio culturale del Molise per evitare che quest’ultimo diventi una terra senza memoria e identità alla mercé degli speculatori di turno…

  3. Franco Valente 25 ottobre 2011 at 07:42

    Gentilissima Laura, ti ringrazio di cuore del consiglio e lo farò. Oggi non sarò davanti al computer, ma nella serata ti darò notizie più precise che in parte potrai trovare su questo sito sotto la categoria: “Archeologia e trippa per i gatti” Vedi a lato.

    Carissimo Francesco, spero di concretizzare con te un bel progetto di valorizzazione della nostra terra. Con Capracotta in cima ai pensieri!

  4. Guido 26 ottobre 2011 at 08:19

    Caro Franco, non demordere! La tua cultura non ha limiti.

  5. Franco Valente 26 ottobre 2011 at 14:58

    Carissimo Guido….. sul non demordere sono d’accordo. Il resto è una tua opinione…. Ho solo la fortuna di essere circondato da persone che mi aiutano (… o mi costringono…) a comunicare…

Lascia un commento

*