Franco Valente

Robinio Costi: MUSSOLINI, l’ultima illusione. Si presenta a Venafro il 19 gennaio

Verrà presentato giovedì prossimo, 19 gennaio, alle ore 17,30, nella Sala Conferenze dell’Associazione Culturale “IL GRUPPO DI VENAFRO”, in Vico dei Battenti (Piazza Annunziata-Vico della Vergine), il libro di Robinio Costi “Mussolini. L’ultima illusione”.

L’evento, organizzato da Eurispes e dalla casa editrice ad essa legata Datanews, alla presenza dell’autore, vedrà gli interventi
del prof. Tonino Atella
e dell’arch. Franco Valente.

Nel volume “Mussolini. L’ultima illusione” Robinio Costi affronta il tema dello sganciamento italiano dalla politica di una collaborazione europea a favore di una scelta filotedesca e, di converso, quello delle ragioni che spinsero il Duce ad entrare in guerra nel 1940 e, l’anno successivo, a precipitarsi nella sciagurata impresa di Russia. Centrale, successivamente, diverrà la domanda se egli vedesse giusto o se si illudesse nell’individuare una pace separata con Stalin, con o senza Hitler, la possibilità per l’Italia di una più dignitosa conclusione della guerra. Costi ritiene che il rischio di una rappresaglia tedesca si sarebbe ridotto se una pace di compromesso con Stalin fosse stata decisa, così come aveva previsto Mussolini, in sede di una conferenza dei paesi del Tripartito. A questi e altri temi l’autore ha fornito risposte le quali si contraddistinguono nel non essere sempre in linea con la storiografia più affermata.

Nel 1976 Costi fonda il circolo culturale “Odisseo” d’ispirazione riformista e turatiana.
Giornalista pubblicista, Robinio Costi ha collaborato con “La Giustizia”, con “L’Umanità”, con “L’Opinione”, con la rivista culturale mensile fondata da Ignazio Silone “Tempo Presente” e con la rivista culturale “Ragionamenti”.
È laureato in Sociologia e in Filosofia. Eletto deputato nell’XI legislatura, è stato membro della Direzione Nazionale del PSDI.
Collabora con l’Eurispes in qualità di esperto di Storia Contemporanea.

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

Lascia un commento

*