Franco Valente

Ancora parlando di Molise nel Molise….

Ancora parlando di Molise nel Molise

Ritenevo che a Ferrazzano, con Borghi d’Eccellenza del Molise e con la grande manifestazione con i costumi del nostro Mezzogiorno (nonostante la pioggia…) fosse momentaneamente accantonato l’interesse dei Molisani per il proprio Molise.

Invece gli incontri che hanno come tema la nostra regione continuano e le associazioni culturali sono particolarmente attive soprattutto se hanno obiettivi mirati.

Ve ne segnalo tre sia perché faccio parte attiva della loro organizzazione, ma anche perché da tempo si stanno attivando per la valorizzazione del patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico del Molise.

Peraltro alla guida di tre associazioni regionali  sono due “signore Presidenti” e un “signor Delegato” che (a parte la preparazione personale che nelle associazioni culturali non guasta) hanno la tenacia e una grande capacità di aggregazione che nel Molise della cultura sono virtù rare.

Da oltre 10 anni Onorina Perrella presiede la sezione regionale dell’Istituto Italiano dei Castelli e da qualche anno in meno Isabella Astorri presiede la sezione regionale della Società per la Protezione dei Beni Culturali, mentre Gerardo Pisapia è il delegato del FAI Molise la cui nascita si deve ad Angela Carola Perrotti che ne è l’anima.

A queste tre associazioni e ai loro Presidenti vanno ricondotte tre iniziative per accrescere le conoscenze “puntuali” del nostro territorio.

Nell’ordine

21 settembre – Sala della Costituzione – Provincia di Campobasso
Ore 17,30
Società per la Protezione dei Beni Culturali
Domenico Cedrone  – Valle di Comino
Franco Valente – Apocalisse a S. Vincenzo al Volturno
Claudia Cedrone – Il Santuario di Canneto (nelle Mainardi)
Michele Carroccia – Viabilità antica – Cominio e Aquilonia
Coordina Leo Leone
(Isabella Astorri, Presidente del SIPBC Molise )


23 settembre – Sepino – Area archeologica di S. Pietro ai Cantoni
Visita del santuario italico di S. Pietro di Cantoni
Territorio comunale di Sepino (CB)
Conduttore di pregio sarà l’archeologa Cristina Ferrante che mostrerà ai partecipanti la zona degli scavi (iniziate nel 1991 sotto la direzione scientifica del Prof. Maurizio Matteini Chiari), l’area sacra (con impianto del santuario che è fatto risalire alla fine del IV secolo a.C), la zona templare e la parte delle mura poligonali. Inoltre si potrà visitare la mostra sul ventennale dello scavo.
Si consiglia abbigliamento comodo e da escursione.
L’appuntamento è alle ore 10.00 davanti a Porta Terravecchia, presso Altilia. La porta di Terravecchia si trova dalla parte opposta alla Porta Tammaro (che è quella che si raggiunge direttamente dalla superstrada)

Venendo da Campobasso o da Isernia seguite le indicazioni per Sepino centro e, all’uscita di Sepino, svoltate per Altilia (in pratica è una parallela interna della superstrada).

Potete anche scegliere una stradina che è subito prima di Altilia. Girando a destra vi condurrà direttamente a portaTerravecchia.
( Gerardo Pisapia, delegato regionale FAI)

30 settembre
Istituto Italiano Castelli, Sezione Molise
Riservata ai Soci
Il giorno 30 settembre prossimo visiteremo due borghi molisani di particolare fascino: si tratta di Castel San Vincenzo e Scapoli. Tali visite ci consentiranno di conoscere in maniera approfondita un’altra bella ed interessante zona del nostro Molise che rientra nel Parco Nazionale di Lazio, Abruzzo e Molise.
Castel San Vincenzo sorge su un costone di roccia calcarea nell’Alta Valle del Volturno; si affaccia sul lago omonimo ed offre una spettacolare veduta delle Mainarde.
Il paese si caratterizza per essere un borgo murato di cui si conserva la porta di accesso.        Lungo il percorso per raggiungere la parte più antica del paese, potremo visitare il Museo della Fauna Appenninica.
Nella scoperta di Castel San Vincenzo saremo guidati dal nostro vicepresidente Franco Valente.
Successivamente andremo a Scapoli, altro borgo medievale che ha mantenuto la caratteristica  di centro fortificato; esso infatti conserva, per buona parte, il camminamento di ronda e alcune delle torri lungo le mura di cinta.
Oltre al centro storico, visiteremo il Museo della Zampogna e gusteremo a pranzo i famosi ravioli scapolesi.
(Onorina Perrella, Presidente dell’Istituto Italiano Castelli Molise )

 

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

1 Commento

  1. Gianluca 21 settembre 2012 at 09:41

    Ciao Franco,
    Mi ha fatto piacere vederti su Rai Tre questa notte, l’orario era un po’ infelice e stamattina sto accusando un po’ il colpo ma ci tenevo a vederlo ed a farti i complimenti!

Lascia un commento

*