Franco Valente

Archeologia. Il modello culturale molisano: Barbariccia Malacoda

diavoli_giotto_3

Ogni tanto qualcuno va a S. Vincenzo al Volturno, aspira un po’ di aria nei polmoni e, come Barbariccia Malacoda, la espelle rumorosamente sperando che le esalazioni si trasformino in concetti. Il 22 novembre a Campobasso continuano la dissertazione.

Ed elli avea del cul fatto trombetta. (Dante, Inf. XXI, v. 139).
diavoli_giotto_3

 

Credo di essere il maggiore conoscitore delle problematiche di quel sito archeologico che oggi ha una concreta consistenza grazie alla originaria intuizione di un grande professionista dell’archeologia, Richard Hodges, e grazie alla straordinaria disponibilità di un abate, don Bernardo D’Onorio che, lasciata Montecassino per promozione ecclesiastica, ora è arcivescovo di Gaeta.

Io ho avuto la fortuna ed il privilegio di trasformare l’intuizione di padre Bernardo D’Onorio in una grande avventura archeologica avendo fatto da credibile intermediario con Gino Di Bartolomeo, una volta Presidente della Giunta Regionale del Molise, unico politico che ha veramente creduto nelle potenzialità di quel luogo.

Tutti gli altri che cercano di cavalcare le scoperte di S. Vincenzo sono solo personaggi in cerca di gloria.

 

josue053 copia

 

S. Vincenzo al Volturno è ormai allo sbando totale per colpa esclusiva di tre soggetti:
1) Il Ministero per i Beni Culturali che dovrebbe esercitare il controllo degli scavi e dei progetti di restauro
2) Una Università Privata (che teneva nel libro  paga anche gli ispettori e i soprintendenti che dovevano vigilare) che vi ha fatto il bello ed il cattivo tempo locupletando una imponente quantità di denaro) e lasciando l’area in uno stato di deplorevole incuria;
3) La Regione Molise, proprietaria del bene, completamente assente nella gestione di un patrimonio che il mondo ci invidia.

In questo incredibile stato di degrado generale, archeologico ed amministrativo, sopravvive la naturale destinataria di questo storico complesso che è la comunità monastica di Montecassino (proprietaria della parte monasteriale e della cripta di Epifanio) che è presente attraverso un presidio di monache benedettine.

 

S.VINC.sfregi-tombabis copia

 

Fortunatamente, dopo una serie di inadempienze ampiamente denunciate, coloro che avevano fatto di S. Vincenzo un orticello privato, erano stati cacciati. Ma alla clamorosa defenestrazione invece di seguire una azione per il risarcimento dei danni prodotti sia per negligenza nella conduzione degli scavi, sia per inadempienza contrattuale, non è seguita nessuna concreta operazione di riordino generale del grande parco archeologico.

Bisogna tenere presente che con l’attività del pool di professionisti messo in piedi da don Bernardo D’Onorio la Regione Molise è divenuta proprietaria di 25 ettari di terra che avrebbero dovuto costituire l’impianto del grande parco.

Sono passati oltre venti anni dagli espropri e la Regione Molise non ancora procede alla presa in consegna dei beni che ora sono praticamente in balia di chiunque se ne voglia approfittare.

 

pontebruciato (1) copia
Questo ponte sta così, bruciato nel corso dei lavori, da venti anni! Doveva essere il collegamento con l’area archeologica

 

Ad ampliare l’elenco delle nefandezze una serie di iniziative estemporanee e inconcludenti del Ministero per i beni culturali che è responsabile, nell’articolarsi e nell’alternarsi dei dirigenti periferici, della conservazione dell’area e che non è in grado di fare un progetto di tutela e di valorizzazione del sito.

Ogni tanto arriva un boiardo che, dopo aver parcheggiato l’automobile di servizio per qualche ora, ritiene di aver capito la complessità dei problemi, prende una iniziativa il più delle volte capotica, ordina ai propri dipendenti di fare qualcosa, gira la macchina e se ne va. E il sito viene lasciato in balia di custodi che fanno quello che possono fare essendo loro compito solo quello di assicurare una presenza fisica all’ingresso degli scavi.

Così da 20 anni a questa parte.

A questo si aggiunga la resa di fronte alla scellerata iniziativa di costruire un mostruoso museo metallico che, con la pretesa sciagurata e antistorica di raccogliere reperti a 5 chilometri dal sito archeologico, è oggi il più colossale esempio di miopia clientelare gestita da folli missionari dell’archeologia.

 

museo (1) copia
Questo museo sta crollando e non è stato mai aperto

Un museo che crolla inesorabilmente senza che a 13 anni dalla sua realizzazione abbia mostrato un solo reperto.

Senza dire della pletora di tecnici interni della Soprintendenza (archeologi, geometri, architetti e scaldatori di poltrone) che potrebbero costituire una nuova setta religiosa ispirata a Santa Perizia.

 

Refettorio blog 2009 (2) copia

 

Santa Perizia pare essere l’unico riferimento culturale di costoro che hanno fatto più danni all’archeologia molisana di quanti ne hanno fatto i bombardieri americani dell’ultima guerra mondiale.

Una volta mi arrabbiavo perché consideravo S. Vincenzo come il luogo fisico in cui si radicavano le mie certezze, le mie speranze, le mie visioni artistiche, le mie interpretazioni della storia, la mia religiosità.

 

S.Vincenzo-6.8.2005orca10 copia

 

Poi mi sono dimesso da tutto e andavo a S. Vincenzo solo per la devozione verso un drappello di monache che coraggiosamente tiene accesa la fiammella di quello che fu uno dei monasteri più importanti dell’Europa carolingia.

Oggi non me ne frega più nulla dell’area archeologica perché il vuoto (o meglio, “la vuotezza”) ministeriale ha ripreso il sopravvento e S. Vincenzo è considerata dai dirigenti periferici dei Beni Culturale null’altro che un osso che, benché spolpato da cani affamati, è ancora buono per fare una zuppa di fagioli.

Adesso torneranno a scavare gli stessi soggetti che l’hanno spolpato.

Nulla di più.

Continuassero a navigare da soli e da soli si troveranno nella burrasca del mare aperto.

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

1 Commento

  1. Alessandro 21 novembre 2013 at 09:32

    “Tutti gli altri che cercano di cavalcare le scoperte di S. Vincenzo sono solo personaggi in cerca di gloria.”

    caro Franco forse ne manca qualcuno o mi sbaglio?

    un abbraccio.

Lascia un commento

*