Franco Valente

Franco VALENTE – LE PIETRE PARLANTI – S. GIORGIO DI PETRELLA TIFERNINA – Regia Edizioni Campobasso

le_pietrepalranti_franco_valente2

Franco VALENTE
LE PIETRE PARLANTI
S. GIORGIO DI PETRELLA TIFERNINA
Regia Edizioni Campobasso

 

MOLISE NASCOSTO
Collana di storia, arte e architettura
diretta da LUIGI VALENTE

Volume I
le_pietrepalranti_franco_valente

 

.

Il volume di Franco Valente, LE PIETRE PARLANTI – S. GIORGIO DI PETRELLA TIFERNINA, ripercorre la storia globale del monumento attraverso la lettura dei suoi caratteri storici, architettonici e artistici, che vanno dall’epoca longobarda a tutto il Settecento, e si propone di sollecitare un’attenzione particolare al contesto regionale e del Meridione italiano in cui si colloca.

La basilica di S. Giorgio a Petrella Tifernina è tra i monumenti più intriganti del Molise per la sua particolare anomalia spaziale, per la ricchezza delle elaborazioni figurative, per la grande quantità di elementi formali che attengono alla cultura europea del medioevo, per l’atmosfera generale che influenza anche chi è all’oscuro delle sue vicende storiche.

Il libro cerca di dare una risposta a coloro che si chiedono quali siano i significati di animali con due corpi e una sola testa, di uomini con la testa girata al contrario, di sirene lussuriose, di personaggi che sbucano dalle viscere della terra, di cerbiatti che danzano o dalla cui bocca escono grappoli di uva.

Una serie di considerazioni sulle figure di uomini africani che ridono o di sciacalli che sbranano carcasse di ariete oppure di animali selvatici venuti da una foresta fantastica che si alternano ad animali domestici come agnelli, conigli, galli e pesci.

.

PetrellaBLOG

.

Una chiesa che, insieme agli inevitabili ammaloramenti del tempo, ha ricevuto gravi danni dagli eventi sismici.

A Vincenzo Maria Orsini si deve un particolare impegno nell’opera di ricostruzione delle chiese dell’archidiocesi beneventana, nella cui giurisdizione rientrava anche la chiesa di Petrella. Una ricostruzione che nel 1712 divenne anche l’occasione per la ridefinizione degli spazi liturgici per adeguarli alle disposizioni del Concilio di Trento che ancora non erano diffusamente applicate in questo territorio.

Un’opera di trasformazione e di abbellimento cui non fu indifferente la presenza a Petrella di Alfonso Carafa, importante feudatario che apparteneva a una famiglia che ebbe grande parte nella storia napoletana della prima metà del XVIII secolo e al quale vanno ricondotte anche le iniziative per il completamento interno della chiesa di S. Giorgio con l’erezione di importanti altari, tutti spariti in sede di restauro, dedicati all’Assunta, a S. Gaetano e a S. Pasquale.

La lettura del volume costituisce l’occasione per rivolgere una rinnovata attenzione verso un monumento che è parte sostanziale della storia religiosa della regione molisana.

Franco Valente
Le Pietre parlanti
San Giorgio di Petrella Tifernina

266 pagine

Progetto grafico
Laura Potito e Luigi Valente

Stampa
ARTES
Editore
REGIA EDIZIONI

 ANTEPRIMA PDF

Se ti è piaciuto questo articolo forse può interessarti anche:

1 Commento

  1. Carmelo S. FATICA 4 luglio 2015 at 00:29

    Rallegra la notizia dell’uscita di questo primo volume, peccato che al solito si deve leggere della sparizione degli altari nella chiesa, addirittura nella fase di cosiddetto “restauro”. Insomma, quella “manutenzione” fisica e culturale che Tu invochi per le opere d’arte, nel Molise sistematicamente viene travolta. E poi ci si riempie la bocca di “turismo”, “paesaggio”, “cultura”, quando il tarlo dell’ignoranza sta corrodendo tutto. L’ultima “trovata culturale” regionale però, è il cosiddetto “Parco delle morge”: roba da contorsioni addominali!
    Mr. “Molise” (appellativo di R. Hodges), hai rivelato tante cose, trascinato tantissime persone, fatto tanto rumore; adesso, alla Tua estesa collana editoriale auguro il più grande successo, che è il successo di una componente per la “manutenzione” del nostro sconosciuto Molise.

Lascia un commento

*